01 DSC_4005 02 DSC_4192 03 DSC_4172 04 DSC_4153 05 Panoramica-frantoio 06 OLIO--2-002 07 fondo fondo
1 2 3 4 5

Il nostro olio prezioso come oro


L’olio Extra Vergine di oliva è alla base della “dieta mediterranea” di cui è l’elemento fondante: consumato crudo, esprime il meglio di sé apportando qualità e sapidità alle altre materie prime; utilizzato in cucina, in cottura, diventa il più prezioso alleato della nostra salute. Può stare tutti i giorni sulle nostre tavole perché alimento completo: a parte i sali minerali, contiene tutto. Per questo è prezioso come l’oro.
Gli olii da Coratina sono insuperabili per il carico di antiossidanti che contengono. Ogni cucchiaio di olio “Corona delle Puglie” che viene versato, è come assorbire, insieme con l’olio, una grande carica di antiossidanti. Quest’ultimi costituiscono, insieme alla ricchezza in acidi grassi monoinsaturi, l’elemento caratterizzante gli oli ricavati dalle olive.

GLI OLI "CORONA DELLE PUGLIE", IL PROCESSO PRODUTTIVO

Le qualità riconosciute degli olii “Corona delle Puglie” sono il frutto di un insieme di fattori. A cominciare dalle tecniche di coltivazione degli oliveti, che impongono severi controlli all’uso di fitofarmaci, da quelle di raccolta a mano o raccolta eseguita scuotendo le piante e raccogliendo le olive in teli, fino alle periodiche e scrupolose analisi organolettiche e multiresiduali, ulteriori garanzia di genuinità e integrità degli olii Covan.
Il processo produttivo in frantoio è determinante quanto lo è la cura delle piante in campagna. Per ottenere un olio di pregio, le olive, appena raccolte, vengono trasportate tempestivamente in frantoio, molite a freddo entro le 24 ore a una temperatura non superiore ai 27 °C. La pasta delle olive appena franta viene rimescolata (gramolata) e infine centrifugata, così da estrarne tutto il succo. L’olio che se ne ricava dapprima decanta, poi è conservato in serbatoi interrati, a temperatura controllata. Sono attenzioni che contribuiscono tutte a esaltare le qualità peculiari della varietà Coratina, con riscontri che si notano all’assaggio, ma anche nella stessa acidità libera che si riscontra in laboratorio, mai superiore allo 0,20% all’origine. Il resto, tutto il resto, è nell’intensa carica aromatica e nella buona fluidità dell’olio al palato, nella pulizia dei profumi e delle sensazioni gustative e retro olfattive, come pure nell’equilibrio di ogni componente: nell’armonia.

© 2017 cooperativa COVAN